Posts Tagged ‘regolamento partecipazione’

Banchetto Piu’ Democrazia Eraclea 25/09


Il primo banchetto per la raccolta firme “piu’ democrazia Eraclea” è previsto per domani (oggi) Martedì 25 settembre dalle 9:30 alle 12:30 al mercato di Eraclea, vicino al Municipio.

Qui potete trovare il testo di legge completo.

Situazione dello statuto e del regolamento sulla partecipazione nel Veneto Orientale


Un’elenco con i link agli statuti-regolamenti delle varie istituzioni venete: dalla Regione Veneto per finire al Comune, passando per la Provincia. In rosso sono segnate le mancanze piu’ macroscopiche, la diversa formattazione dell’articolo dipende dalle differenze (notevoli) tra ente ed ente riguardo la democrazia diretta: chi fa un unico regolamento, chi diviso tra altri 3-4, chi scrive quasi tutto nello statuto, senza dimenticare l’usabilità di ogni sito. Adesso che avete i riferimenti, iniziate a convocare assemblee, fate petizioni o istanze ed usate tutti gli strumenti a disposizione per migliorare ed aumentare la democrazia nel vostro territorio! Buon lavoro!

p.s. se trovate errori o inesattezze, lasciate un commento all’articolo, grazie!

REGIONE VENETO

STATUTO REGIONALE

art. 20 (iniziative)

art. 25 – 26 -27 (referendum)

REGOLAMENTI SULLA PARTECIPAZIONE:

L.R. 12 gennaio 1973, n. 1 – Norme sull’iniziativa popolare per le leggi ed i regolamenti regionali, sul referendum abrogativo e sui referendum consultivi regionali

Capo VIII Iniziativa delle leggi, dei regolamenti e dei provvedimenti amministrativi

Capo XI Petizioni

PROVINCIA DI VENEZIA

STATUTO

TITOLO III – DECENTRAMENTO, PARTECIPAZIONE, ACCESSO FORME DI COLLABORAZIONE E ACCORDI DI PROGRAMMA

art. 21 (Valorizzazione e promozione della partecipazione)

art. 23 (consultazioni, petizioni, proposte)

Art. 24 (Referendum consultivo o abrogativo)

Art. 25 (Diritti d’accesso e d’informazione dei cittadini)

TITOLO IV – CONTROLLI E DIFENSORE CIVICO

TITOLO VI – NORME TRANSITORIE E FINALI

Art. 34 (Revisione dello Statuto)

REGOLAMENTO SULLE PETIZIONI-PROPOSTE E SUI REFERENDUM: ASSENTE

03 – Regolamento per l’ufficio del Difensore Civico della Provincia di Venezia e per il servizio territoriale di Difesa Civica

09 – Regolamento sull’accesso ai documenti amministrativi e sul procedimento

COMUNI DEL VENETO ORIENTALE

CAORLE

STATUTO

Regolamento Comunale per la consultazione dei cittadini ed i referendum.

Regolamento per la disciplina dei procedimenti amministrativi

Regolamento per l’accesso agli atti amministrativi

CAVALLINO-TREPORTI

STATUTO

REGOLAMENTO SULLA PARTECIPAZIONE: ASSENTE

Regolamento della Consulta Comunale

Regolamento del Consiglio Comunale

CEGGIA

STATUTO – (ONLINE DA LUGLIO 2013)

REGOLAMENTO – ASSENTE

ERACLEA

STATUTO

REGOLAMENTO SU PETIZIONI E REFERENDUM: ASSENTE

Regolamento del Consiglio Comunale (PDF)
Regolamento comunale sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi (PDF)

JESOLO

STATUTO

REGOLAMENTO SULLA PARTECIPAZIONE POPOLARE (.PDF)

MUSILE DI PIAVE

STATUTO – TITOLO II – III – IV – V – VI – VI

REGOLAMENTO SU PETIZIONI – REFERENDUM: ASSENTE

Regolamento per l’ordinamento della struttura organizzativa del Comune – TITOLO I – CAPO 1 – ART. 3 PARTECIPAZIONE

Regolamento del Consiglio Comunale – CAPO V – ART. 41 CONSULTAZIONE GENERALE DELLA POPOLAZIONE REGOLAMENTO ATTUATIVO: ASSENTE

SAN DONA’ DI PIAVE

STATUTO (.PDF) TITOLO I – II – III – IV

Regolamento del Consiglio Comunale

Regolamento per l’esercizio delle funzioni del Difensore Civico

Regolamento per funzionamento degli organi di partecipazione

Regolamento comunale sul procedimento amministrativo e sul diritto di accesso ai documenti amministrativi

Regolamento per la disciplina e lo svolgimento della consultazione popolare “Referendum”

SAN STINO DI LIVENZA

STATUTO

REGOLAMENTO SULLA PARTECIPAZIONE: ASSENTE

03 Regolamento del consiglio comunale (.PDF)

09 Regolamento per il funzionamento delle consulte comunali (.PDF)

10  diritto di accesso ai documenti amministrativi (.PDF)

Petizione online: nuovo regolamento partecipazione a Cavallino-Treporti (ve)


FIRMA LA PETIZIONE A QUESTO LINK

Al sindaco di Cavallino-Treporti.

Nel comune di Cavallino-Treporti manca il regolamento sulla partecipazione, che serve per chi vuole proporre istanze, petizioni o referendum; c’è un preciso riferimento nello statuto, ma nessuno si è mai attivato per scriverlo. (1)

Con questa petizione chiediamo che venga avviato un percorso partecipato per la costruzione del regolamento, usando i migliori strumenti di democrazia diretta (assemble comunali, town meeting, consigli comunali aperti) (2), con ampio uso di internet e social network, prendendo esempio dal modello dell’Islanda che sta costruendo la nuova costituzione nazionale attraverso assemblee partecipate e l’uso di di forum online. (3)

Per la scelta delle forme di consultazione e decisione, mettiamo a disposizione la nostra conoscenza dell’argomento e assicuriamo l’aiuto gratuito di esperti e tecnici del settore, per costruire nel modo piu’ efficiente e partecipato tutto il percorso. (5)

E’ una grande opportunità culturale e storica per tutto il comune di Cavallino-Treporti, per far sentire attivi i cittadini, per farli partecipare alla vita politica della città ed insegnare loro alcuni dei nuovi strumenti di democrazia diretta, usando sia le vecchie che le nuove tecnologie.

Abbiamo scelto di fare la petizione online visto che, in assenza del regolamento attuativo, riteniamo valida questa forma digitale utilizzata anche in Toscana, a Vicenza, Trieste, Udine e per le petizione europee, da cui abbiamo ripreso le regole generali per la stesura-raccolta firme della petizione, (4) e di lanciare la raccolta firme prima di presentarlo in comune per contare quanti sono interessati e vogliono questi strumenti. Deve essere la popolazione ha chiederlo quindi attivati e fai firmare i tuoi amici e parenti!

Alla petizione possono partecipare tutti coloro che sono nati, residenti o portatori di interessi (stakeholders) nel comune di Cavallino-Treporti dai 16 anni in su, compresi enti ed associazioni. E’ necessario inserire nome, cognome (o nome dell’associazione) e c.a.p.

I PROMOTORI

Federico Bonollo – Jesolo (VE)

Giorgia Bellemo – Cavallino-Treporti (VE)

FIRMA LA PETIZIONE A QUESTO LINK:

http://www.firmiamo.it/petizione-regolamento-partecipazione-cavallinotreporti/

Di seguito i link citati nel testo:

(1) statuto comune cavallino-treporti, art. dal 30 al 39
http://www.comune.cavallinotreporti.ve.it/index.php?area=1&menu=71

(2) esempio di Town Meeting
http://www.paolomichelotto.it/blog/2011/06/12/il-cittadino-partecipa-il-town-meeting-realizzato-il-20-ottobre-2009-a-rovereto/
http://www.e.toscana.it/e-toscana/resources/cms/documents/townmeetingStoria.pdf

(3) Islanda scrive costituzione anche online
http://punto-informatico.it/3234597/PI/News/islanda-una-costituzione-crowdsourcing.aspx

(4) petizione europee online
http://www.europarl.europa.eu/parliament/public/staticDisplay.do?id=49&language=IT
http://www.paolomichelotto.it/blog/2011/07/21/liniziativa-europea-inizia-dal-1-aprile-2012-un-milione-di-firme-raccolte-anche-in-via-digitale/

(5) regolamento partecipato in Toscana
http://www.regione.toscana.it/partecipazione
http://www.regione.toscana.it/regione/export/RT/sito-RT/Contenuti/sezioni/diritti/partecipazione/rubriche/piani_progetti/visualizza_asset.html_1746852500.html

Mancanza del regolamento sulla partecipazione (2)


Continua il nostro viaggio dentro gli statuti ed i regolamenti dei comuni nel Veneto Orientale. Dopo aver trovato la mancanza del regolamento sulla partecipazione nei comuni di San Stino ed Eraclea (leggi l’articolo), con sommo dispiacere si aggiunge alla lista Cavallino-Treporti.

Finora non abbiamo trovato molto entusiasmo nelle amministrazioni di fronte a questo problema e anzi, a precisa richiesta, quasi tutti favorevoli a modificare il quorum e aggiungere i referendum propositivi  sul nazionale, ma assolutamente contrari a livello comunale perchè “gli italiani non sono capaci e non gli interessa, e poi in Italia è impossibile fare come in Svizzera”… Vedremo se il sindaco Orazio avrà quella sensibilità che altre amministrazioni non hanno avuto.

Adesso partiranno una serie di iniziative per stimolare il dibattito sul problema e chiedere di avviare un percorso partecipato per la costruzione dei regolamenti sulla democrazia diretta…state pronti a firmare!

Mancanza del regolamento sulla partecipazione


Spulciando tra gli statuti comunali della zona ed i regolamenti, abbiamo appreso con dispiacere che 2 comuni (Eraclea e San Stino) non hanno mai scritto il regolamento sullla partecipazione, nonostante uno specifico richiamo nello statuto stesso.

Questo implica che se un cittadino vuole fare una istanza, una petizione o addirittura un referendum, si trova senza il “libretto di istruzioni”, tipo quante firme servono, chi deve autenticare, i tempi certi delle risposte… non è certo il modo migliore per favorire la partecipazione dei cittadini!

Naturalmente in nessun statuto di quelli controllati (Cavallino-Treporti, Jesolo, Eraclea, San Donà di Piave, San Stino) esiste un riferimento sull’uso degli strumenti web (tipo l’europa che, anzi, favorisce l’uso delle petizioni online), e questo nel 2011 ci sembra veramente sconsolante; in nessuno di questi c’è il referendum propositivo ed arriviamo fino al caso estremo di Eraclea dove ci sono solo i referendum consultivi (che sono praticamente inutili, perchè non-vincolanti) e senza un regolamento: a nostra precisa richiesta, ci hanno “consigliato” di usare il generico “Regolamento comunale sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi”  che non c’entra niente con quanto ci serviva.

Un’assessore di San Stino si è preso l’impegno di redigere il nuovo regolamento come da nostro consiglio, ci è sembrato deciso ed entusiasta, gli facciamo gli auguri di buon lavoro!
Ad Eraclea, invece, siamo in attesa di un colloquio con il Cons. Baccichetto Renzo (delega Partecipazione e Decentramento). Gli abbiamo proposto una video-intervista, vediamo cosà risponderà.
La nostra proposta è semplice, promuovere un “regolamento partecipato” dove i cittadini stessi potranno suggerire-proporre quello che vogliono nel loro comune, come hanno fatto a Firenze.

State in ascolto! 😀