Archive for the ‘Stato & Cittadini’ Category

Come si fa la democrazia diretta?


banner più democrazia gruppi copia

Serata dedicata allo studio teorico e pratico della democrazia diretta.
Verranno portati i migliori esempi dal mondo dove i cittadini hanno avuto successo e verrà organizzata una prova pratica.

Se vi interessa la materia e volete sapere come portarla nel vostro comune, i nostri esperti sono a disposizione per aiutare a trovare le soluzioni migliori, attraverso gli stessi strumenti di partecipazione.
Ingresso gratuito, per chi lo possiede portare pc portatile con wifi, con eventuale connessione internet.

Presso auditorum comunale (di fronte alla Chiesa), via Roma, Ceggia (VE).
Qui l’evento Facebook.

Annunci

Diretta audio-video Consiglio Comunale Jesolo


Oggi Martedì 13-12-2011 dalle ore 18:00 saremo al consiglio comunale di Jesolo per fare il primo tentativo di diretta video dell’evento tramite un semplice smartphone ed un collegamento 3G.

Abbiamo fatto delle prove ma non siamo sicuri della quantità di banda disponibile, comunque la ripresa integrale, eseguita con una telecamera semi-professionale, sarà disponibile il giorno dopo sul nostro canale youtube.

edit 14-12: stiamo preparando il video registrato ieri, ci sono problemi di conversione audio, entro stasera dovrebbe essere online.

Situazione dello statuto e del regolamento sulla partecipazione nel Veneto Orientale


Un’elenco con i link agli statuti-regolamenti delle varie istituzioni venete: dalla Regione Veneto per finire al Comune, passando per la Provincia. In rosso sono segnate le mancanze piu’ macroscopiche, la diversa formattazione dell’articolo dipende dalle differenze (notevoli) tra ente ed ente riguardo la democrazia diretta: chi fa un unico regolamento, chi diviso tra altri 3-4, chi scrive quasi tutto nello statuto, senza dimenticare l’usabilità di ogni sito. Adesso che avete i riferimenti, iniziate a convocare assemblee, fate petizioni o istanze ed usate tutti gli strumenti a disposizione per migliorare ed aumentare la democrazia nel vostro territorio! Buon lavoro!

p.s. se trovate errori o inesattezze, lasciate un commento all’articolo, grazie!

REGIONE VENETO

STATUTO REGIONALE

art. 20 (iniziative)

art. 25 – 26 -27 (referendum)

REGOLAMENTI SULLA PARTECIPAZIONE:

L.R. 12 gennaio 1973, n. 1 – Norme sull’iniziativa popolare per le leggi ed i regolamenti regionali, sul referendum abrogativo e sui referendum consultivi regionali

Capo VIII Iniziativa delle leggi, dei regolamenti e dei provvedimenti amministrativi

Capo XI Petizioni

PROVINCIA DI VENEZIA

STATUTO

TITOLO III – DECENTRAMENTO, PARTECIPAZIONE, ACCESSO FORME DI COLLABORAZIONE E ACCORDI DI PROGRAMMA

art. 21 (Valorizzazione e promozione della partecipazione)

art. 23 (consultazioni, petizioni, proposte)

Art. 24 (Referendum consultivo o abrogativo)

Art. 25 (Diritti d’accesso e d’informazione dei cittadini)

TITOLO IV – CONTROLLI E DIFENSORE CIVICO

TITOLO VI – NORME TRANSITORIE E FINALI

Art. 34 (Revisione dello Statuto)

REGOLAMENTO SULLE PETIZIONI-PROPOSTE E SUI REFERENDUM: ASSENTE

03 – Regolamento per l’ufficio del Difensore Civico della Provincia di Venezia e per il servizio territoriale di Difesa Civica

09 – Regolamento sull’accesso ai documenti amministrativi e sul procedimento

COMUNI DEL VENETO ORIENTALE

CAORLE

STATUTO

Regolamento Comunale per la consultazione dei cittadini ed i referendum.

Regolamento per la disciplina dei procedimenti amministrativi

Regolamento per l’accesso agli atti amministrativi

CAVALLINO-TREPORTI

STATUTO

REGOLAMENTO SULLA PARTECIPAZIONE: ASSENTE

Regolamento della Consulta Comunale

Regolamento del Consiglio Comunale

CEGGIA

STATUTO – (ONLINE DA LUGLIO 2013)

REGOLAMENTO – ASSENTE

ERACLEA

STATUTO

REGOLAMENTO SU PETIZIONI E REFERENDUM: ASSENTE

Regolamento del Consiglio Comunale (PDF)
Regolamento comunale sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi (PDF)

JESOLO

STATUTO

REGOLAMENTO SULLA PARTECIPAZIONE POPOLARE (.PDF)

MUSILE DI PIAVE

STATUTO – TITOLO II – III – IV – V – VI – VI

REGOLAMENTO SU PETIZIONI – REFERENDUM: ASSENTE

Regolamento per l’ordinamento della struttura organizzativa del Comune – TITOLO I – CAPO 1 – ART. 3 PARTECIPAZIONE

Regolamento del Consiglio Comunale – CAPO V – ART. 41 CONSULTAZIONE GENERALE DELLA POPOLAZIONE REGOLAMENTO ATTUATIVO: ASSENTE

SAN DONA’ DI PIAVE

STATUTO (.PDF) TITOLO I – II – III – IV

Regolamento del Consiglio Comunale

Regolamento per l’esercizio delle funzioni del Difensore Civico

Regolamento per funzionamento degli organi di partecipazione

Regolamento comunale sul procedimento amministrativo e sul diritto di accesso ai documenti amministrativi

Regolamento per la disciplina e lo svolgimento della consultazione popolare “Referendum”

SAN STINO DI LIVENZA

STATUTO

REGOLAMENTO SULLA PARTECIPAZIONE: ASSENTE

03 Regolamento del consiglio comunale (.PDF)

09 Regolamento per il funzionamento delle consulte comunali (.PDF)

10  diritto di accesso ai documenti amministrativi (.PDF)

La bozza del nuovo statuto e del regolamento della Regione Veneto


EDIT 22/01/2012: qui la versione definitiva approvata a Gennaio 2012 (.pdf)

Agli inizi di Agosto, dopo un’attesa durata 11 anni, è stata approvata la bozza del nuovo statuto della Regione Veneto e del regolamento che potete trovare ai seguenti link: statuto regione veneto bozzaregolamento regione veneto bozza

Mentre in questi link trovate la versione originale: statutoregolamento

Questa tornerà in aula a metà Settembre per la discussione finale e l’approvazione. I 65 articoli del nuovo Statuto delineano i principi fondamentali e i diritti ai quali si dovrà ispirare l’operato della Regione Veneto, definiscono le modalità di partecipazione da parte dei cittadini e delle autonomie sociali, l’autonomia della Regione, i suoi rapporti con le autonomie locali e con l’Unione Europea. La parte centrale e più corposa dello Statuto è dedicata a poteri, competenze e prerogative dei tre organi della Regione: Consiglio, Presidente della Giunta e Giunta. Nell’ultima parte la nuova carta statutaria è dedicata a bilancio ed organizzazione della Regione dei suoi enti strumentali.

Quello che interessa a noi, naturalmente, sono gli strumenti della “democrazia diretta” inseriti nel testo; l’unico riferimento alla partecipazione è dato dai referendum ma questa parte non è stata modificata, quindi niente referendum propositivo ma solo abrogativo e consultivo, con i soliti limiti sulle materie referendabili. Niente di nuovo sotto il sole.

Nel regolamento tutta la parte riguardante petizioni, istanze ed assemblee è rimasta immutata come sopra.

Si poteva fare certamente di piu’, anzi si doveva fare semplicemente qualcosa, ma nessun gruppo ha proposto una qualche modifica…i partiti hanno paura di aumentare gli strumenti di democrazia diretta perchè limiterebbero il loro potere e la capacità di sperperare denaro…non per niente, nei paesi con gli strumenti piu’ avanzati c’è un “pil pro-capite” piu’ alto del 5%, una gestione dei rifiuti 10% piu’ economica, tasse piu’ basse del 20%, debito piu’ basso del 30%.

Mancanza del regolamento sulla partecipazione (2)


Continua il nostro viaggio dentro gli statuti ed i regolamenti dei comuni nel Veneto Orientale. Dopo aver trovato la mancanza del regolamento sulla partecipazione nei comuni di San Stino ed Eraclea (leggi l’articolo), con sommo dispiacere si aggiunge alla lista Cavallino-Treporti.

Finora non abbiamo trovato molto entusiasmo nelle amministrazioni di fronte a questo problema e anzi, a precisa richiesta, quasi tutti favorevoli a modificare il quorum e aggiungere i referendum propositivi  sul nazionale, ma assolutamente contrari a livello comunale perchè “gli italiani non sono capaci e non gli interessa, e poi in Italia è impossibile fare come in Svizzera”… Vedremo se il sindaco Orazio avrà quella sensibilità che altre amministrazioni non hanno avuto.

Adesso partiranno una serie di iniziative per stimolare il dibattito sul problema e chiedere di avviare un percorso partecipato per la costruzione dei regolamenti sulla democrazia diretta…state pronti a firmare!

Democrazia diretta news 01


Una serie di articoli che dimostrano come il virus della democrazia diretta stia iniziando a diffondersi nella società, ormai la discussione è avviata per cui possiamo affermare di aver già vinto! E’ questione solo di tempo, il meccanismo è stato avviato, faranno di tutto per bloccarlo ma non sanno che hanno già perso…

ISLANDA: assemblea popolare per scrivere la nuova costituzione.

MARCON (VE): Piano di Assetto del Territorio (P.A.T.) partecipato

ISOLA D’ELBA: iniziativa popolare di legge regionale per la fusione dei comuni

EUROPA: firme per l’Iniziativa dei Cittadini Europea (ICE) anche per via informatica.

LOMBARDIA: progetto di legge di iniziativa popolare per la riduzione dei costi della politica.

SAN DONA’ DI PIAVE: petizione europea (sia online che offline) contro il progetto TAV Venezia Trieste

MESTRE (VE): laboratorio partecipato per valorizzare Forte Marghera

FIRENZE: percorso partecipato per scrivere il nuovo “regolamento sulla partecipazione”.

VICENZA: sindaco promette di eliminare il quorum per referendum comunali

TRENTINO-ALTO ADIGE: 10 comuni eliminano il quorum per il referendum comunali

ITALIA: Legge Iniziativa Popolare per togliere il quorum nei referendum nazionali

Inoltre sono state organizzate centinaia di “la parola al cittadino” in tutta italia, qui un’elenco sul blog di paolo michelotto.

Mancanza del regolamento sulla partecipazione


Spulciando tra gli statuti comunali della zona ed i regolamenti, abbiamo appreso con dispiacere che 2 comuni (Eraclea e San Stino) non hanno mai scritto il regolamento sullla partecipazione, nonostante uno specifico richiamo nello statuto stesso.

Questo implica che se un cittadino vuole fare una istanza, una petizione o addirittura un referendum, si trova senza il “libretto di istruzioni”, tipo quante firme servono, chi deve autenticare, i tempi certi delle risposte… non è certo il modo migliore per favorire la partecipazione dei cittadini!

Naturalmente in nessun statuto di quelli controllati (Cavallino-Treporti, Jesolo, Eraclea, San Donà di Piave, San Stino) esiste un riferimento sull’uso degli strumenti web (tipo l’europa che, anzi, favorisce l’uso delle petizioni online), e questo nel 2011 ci sembra veramente sconsolante; in nessuno di questi c’è il referendum propositivo ed arriviamo fino al caso estremo di Eraclea dove ci sono solo i referendum consultivi (che sono praticamente inutili, perchè non-vincolanti) e senza un regolamento: a nostra precisa richiesta, ci hanno “consigliato” di usare il generico “Regolamento comunale sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi”  che non c’entra niente con quanto ci serviva.

Un’assessore di San Stino si è preso l’impegno di redigere il nuovo regolamento come da nostro consiglio, ci è sembrato deciso ed entusiasta, gli facciamo gli auguri di buon lavoro!
Ad Eraclea, invece, siamo in attesa di un colloquio con il Cons. Baccichetto Renzo (delega Partecipazione e Decentramento). Gli abbiamo proposto una video-intervista, vediamo cosà risponderà.
La nostra proposta è semplice, promuovere un “regolamento partecipato” dove i cittadini stessi potranno suggerire-proporre quello che vogliono nel loro comune, come hanno fatto a Firenze.

State in ascolto! 😀

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: