Archive for the ‘Risparmio pubblico’ Category

Petizione Europea contro la TAV Venezia-Trieste


Petizione Europea contro la TAV Venezia TriesteE’ iniziata la petizione europea contro le attuali ipotesi di tracciato TAV alto e basso a favore dell’ammodernamento, l’unica possibilità che abbiamo per costringere i nostri “politici” ad operare per il bene di noi cittadini e non a favore dei “soliti noti”!

Sappiamo che verrà pagato tutto dallo stato italiano…
Sappiamo che riguarda il 6% dei viaggiatori italiani, mentre il 90% sono pendolari…
Sappiamo che abbiamo linee di 100 anni fa che basterebbe ammodernare.
Sappiamo che sarà un progetto in perdita che dovranno ripagare le generazioni future…
Sappiamo che il 20% dei capannoni in Veneto sono vuoti…
Sappiamo che per un’opera così importante, c’è troppo mistero intorno ai dati reali..

C’è da fidarsi?

FIRMA LA PETIZIONE ONLINE

Annunci

Convegno sulla TAV nel Basso Piave: Soluzione o Problema?


Segnaliamo un’importante appuntamento per tutti i cittadini che vogliono essere informati e consapevoli delle proprio scelte, un’evento che avrebbero dovuto organizzare le istituzioni, colpevolmente assenti su questo fronte.
Tratto da www.movimento5stelle.tk

Il 12 Dicembre 2010, alle ore 09:30 presso l’auditorium “Leonardo Da Vinci” di San Donà di Piave il Movimento 5 Stelle Basso Piave in collaborazione con “WWF Veneto Orientale“, “Associazione Naturalistica Sandonatese” e “Gruppo Facebook No Tav Basso Piave” presentano il convegno:

TAV: SOLUZIONE O PROBLEMA?

Un’occasione unica per potersi informare su cosa è la TAV e la TAC, e verrà affrontata da diversi punti di vista grazie all’intervento di esperti in vari settori che potete leggere nel ricco programma sotto riportato. Il convegno è totalmente auto-finanziato, l’entrata è ad offerta libera.

Continua a leggere

Dibattito pubblico sul futuro dell’ospedale di Jesolo


Il 19 Novembre 2010, alle 20:45 nella Sala Tiepolo presso il Kursaal di Jesolo si terrà la conferenza-dibattito:

ospedale jesolo conferenza 19 novembre

TRADIMENTI, INGANNI, BUGIE SUL NOSTRO OSPEDALE

organizzata dal Movimento Per L’Ospedale del Litorale di Jesolo.

Intereverrano i soliti noti della sanità veneta quali:

Continua a leggere

Perchè NO TAV nel Veneto


Ecco quale sarà il tracciato presunto di quest’inutile TAV (Treno ad alta velocità) e TAC (treno alta capacità):

http://www.ferrovieanordest.it/portale/node/246

Presunto perchè il progetto verrà reso pubblico il 17 Dicembre 2010,mentre verrà portato in comissione Europea il 31 Dicembre.Quindi avremo 15 giorni per discuterne? Non vi sembra giusto essere interpellati per questa faraonica grande opera?

Ma sentiamo il prof.Marco Ponti:

Per altre informazioni guardate TAV in Italia su wikipedia

Continua a leggere

Ospedale di Jesolo: una battaglia (anche) di trasparenza


 

ospedale di jesolo

ospedale di jesolo

 

Come purtroppo molti di voi sapranno, l’ospedale di Jesolo sembra destinato alla chiusura.

La recente diminuzione di posti letto tra ortopedia e chirurgia non fa presagire niente di buono, e questo è associato all’incertezza da parte dei politici di non sapere cosa fare :
chi lo vuole privato,
chi metà pubblico e metà privato,
chi lo vuole potenziare con terme e ospizio e
chi proprio lo vuole chiudere, come ci fa capire la Zaccariotto parlando di due (2) ospedali da salvare, ma lasciando alquanto disorientato il cittadino che non vede soluzioni all’orizzonte.

Molto chiaramente ci spiega tutto il direttore generale Paolo Stocco in questa intervista di Giugno che, senza soldi, non si va da nessuna parte:

Ho trovato anche un ottimo articolo sul gazzettino che mette in luce quale siano le ASL spendaccione, guarda caso Venezia è al top ed è quella che dovra’ ridimensionarsi di piu’ (ci vorranno decenni, non anni!), difficile che molli Cavallino-Treporti ed i svariati milioni che gli garantisce la popolazione, il vero nodo della questione..

Incuriosito da questi “conti catastrofici” della nostra sanita’, ho provato a cercare il bilancio tanto per avere qualche numero e dato, con l’amara scoperta che non sono pubblicati online (ho cercato per ore).

Naturalmente ho mandato subito una mail alla ULSS 10 chiedendo dove trovarlo e, testuali parole, “devo fare richiesta scritto al direttore generale motivando la richiesta”!
Manco a dirlo, la segreteria mi dice che è assente e solo lui puo’ dare i dati richiesti…ma non dovrebbe essere una procedura standard?
Io cittadino chiamo, esigo i dati e basta, non che devo aspettare i comodi del “capo”.

Ma vi sembra possibile che nel 2010 e con Brunetta al ministero, non esistano tutti i conti online? 😉
Nel frattempo, per incalanare la vostra rabbia in modo costruttivo potete unirvi al gruppo facebook di sostegno dove troverete tutte le iniziative del comitato. Non manchero’ di aggiornarvi con il seguito della storia.

Campagna contro l’uso dei sacchetti di plastica


sito campagna contro sacchetti di plasticoVivere senza sacchetti di plastica? Ecco il come e il perchè!
In un’ipotetica scala delle cose cose piu’ in (inutili & inquinanti) i sacchetti fanno la parte del leone, con un’aspettativa di vita di 100 anni mentre quella di utilizzo arriva a…qualche ora!

Tra le cose migliori che puo’ fare un citta’ per aiutare l’ambiente c’è quella di scoraggiare/eliminare l’uso nel territorio comunale di sacchetti di plastica (vero, Calzavara e Orazio?), con la creazione di un preciso percorso di sensibilizzazione della cittadinanza sul problema e, di conseguenza, l’eliminazione graduale di questo prodotto.

Quello che possiamo fare immediatamente come cittadini è di utilizzare solo set di retini riutilizzabili e lavabili in cotone oppure in juta.

Tra le cose peggiori che hanno provocato questi sacchetti di plastica c’è il Pacific Trash Vortex, un ENORME zona in mezzo al Pacifico dove l’immondizia  si “riunisce” per un gioco delle correnti marine, una cosa sconvolgente e che aumenta in mezzo all’indifferenza, altro che perdita della BP in Florida!

L’ottimo sito www.portalasporta.it ci viene in aiuto con suggerimenti, fac-simile di delibere, stampe e quant’altro serve per dare inizio alla campagna. Dateci un’occhiata per approfondire la questione.

 

Campagna Gnu/Linux: esempi pratici di utilizzo


pinguino di gnu-linuxDopo aver visto in questo post il perchè utilizzare gnu/linux come O.S. (sistema operativo), adesso vorrei portare qualche esempio pratico di come deve/dovra’ essere il futuro (prossimo).

Innanzitutto un aiuto ci arriva dal sito www.matematicamente.it , dove un professore insieme ad altri colleghi sparsi per l’Italia, ha creato un libro di algebra open-source rilasciandolo sotto “Licenza Creative Commons 2.5 Italia“, ossia che puoi farci quello che vuoi senza permesso, tranne lo sfruttamento economico. Non serve dire il risparmio non essendoci diritti d’autore da pagare.

Unendo il software libero ai libri oper-source viene fuori il progetto innovativo del solito istituto majorana, che dopo aver fatto scrivere dai suoi professori i libri e i manuali per gli studenti, ha rivoluzionato tutto il sistema precedente ed adesso gli alunni con solo 350,00 Euro ricevono un portatile con tutti i libri di testo e le lezioni le fanno in classe tramite terminale via  bluetooth.

Facile immaginare il risparmio di carta, tempo, facilita’ di ritrovare le lezioni perse, di poter aggiornare i libri ed i testi, per questo il primo passo da fare nel nostro litorale è di partire dalle scuole, per questo la prossima settimana mi incontrero’ con un gruppo di Venezia per pianificare i primi passi da fare. Potete approfondire qui.